• 18 Aprile 2020
  • Notizie
  • by Leandro Bronte
  • 602

RETE CANAPA SICILIA è stata messa in piedi dal Dott. David Melfa dopo una lunga guerra contro una grossa azienda petrolchimica. Insieme alla sua compagna Andreea Irimia sono dovuti andare via in Spagna, rinunciando al lavoro a tempo indeterminato, proprio per potere inseguire i propri sogni.
Li hanno aperto una azienda SICILCANAMO SL, che si è occupata sempre del settore della canapa (alimentare) di vendita al dettaglio.
Dopo un paio di anni sono rientrati in Sicilia, e hanno messo in piedi OMEGA BENESSERE (occupandosi sempre di prodotti di Canapa e derivati) e successivamente hanno ceduto il ramo di azienda, tenendosi solo RETE CANAPA SICILIA.
Da allora hanno cominciato sperimentazioni anche sul tema del risanamento e della riconversione industriale,piantando il primo seme di Canapa a Gela nel 2015, con la speranza di potere diventare un alternativa all’industria petrol-chimica (con la quale il dott. Melfa ha fatto una guerra giudiziaria, venendo denunciato per un milione di euro per allarmismo sociale).

Da lì hanno cominciato a investire piano piano in questo progetto odierno, con il fine di arrivare a fare percorsi didattici per i bambini (che purtroppo è stato interrotto dal covid 19) coltivare erbe officinalis (quello che è già in essere)e trasformare le coltivazioni in oli essenziale, produrre prodotti cosmetici ecc.
Vi è in essere un progetto per produrre l’olio a base di CBD (che a breve sarà disponibile sul nostro sito web in percentuale del 5%, 7%, 10%, 20%, 25% CBD) estratto proprio dalle piante di Canapa SATIVA light coltivate anche da noi.

Cosa bisognerebbe fare per mettere in piedi un azienda basata sulla canapa?
Rischiare, rinunciare alle cose sicure e certe, e soprattutto crederci, anche quando senti il mondo crollarti addosso, quando ti viene presentata una circolare ministeriale contro la produzione che stai facendo (LA CANAPA), così come alcune sentenze della Cassazione, ancora poco chiare e definitive.
Stiamo combattendo per la legalizzazione di tutta la cannabis, perché siamo convinti, che è una delle poche risorse, che potrebbe salvare tante persone da malattie gravissime, ed un mondo ormai fortemente inquinato dal punto di vista SOCIOAMBIENTALE.

Oggi siamo una piccola realtà, che combatte per crescere sempre più,guardando tutti gli orizzonti,
e auspicandosi di riuscire a fare di tutto per i nostri figli, farli crescere in un mondo migliore.
Almeno proviamo nel nostro piccolo.
A.I.