• 63

Timo Thymus vulgaris: erba aromatica dalle tante proprietà e ottima in cucina per rendere più gustosi diversi tipi di piatti. Arbusto di dimensioni ridotte e dalle foglie di colore verde-grigio e piuttosto piccole, dal profumo intenso ed immediatamente avvertibile, in particolar modo sfregandole tra le dita. La fioritura del timo avviene tra la primavera e l’estate, con la comparsa di fiori di colore rosato. L’impiego del timo è particolarmente indicato per il trattamento delle affezioni che interessano le vie respiratorie. Esistono centinaia di varietà di timo, alcune delle quali sono caratterizzate da un piacevole aroma di limone. Il timo vanta un inaspettato contenuto vitaminico, sia in riferimento alla vitamina C che alle vitamine del gruppo B. Contiene inoltre timolo, linaiolo e sali minerali. Si tratta di una pianta officinale ed aromatica, che presenta al proprio interno un olio essenziale e sostanze benefiche grazie alle quali al timo vengono attribuite proprietà balsamiche, anticatarrali ed antisettiche. Tra i sali minerali contenuti nel timo troviamo manganese, ferro, potassio, calcio e magnesio. Il timo è inoltre considerato un tonico ed uno stimolante dell’apparato digerente. È inoltre ritenuto da parte della medicina alternativa come un vero e proprio antibiotico naturale e un diuretico. Al timo vengono infine attribuite significative proprietà antiossidanti nella protezione delle membrane cellulari.
Il timo:
• stimola il sistema immunitario
• contrasta i radicali liberi
• favorisce la digestione
• aiuta in caso di ritenzione idrica
• favorisce il buon funzionamento del sistema linfatico
• regolarizza il ciclo mestruale
• aiuta in caso di acne • cura la tosse, il raffreddore, il naso chiuso • ottimo contro i gonfiori intestinali • si usa come collutorio • ottimo contro i piedi stanchi • efficace nel rinforzare capelli deboli
Dal punto di vista della cura naturale della salute, il timo viene utilizzato soprattutto sotto forma di sciroppo e di infuso, da impiegare in caso di malattie delle vie respiratorie, di tosse e di raffreddore. L’olio essenziale di timo può essere impiegato in caso di naso chiuso per effettuare dei suffumigi con acqua bollente, al fine di contribuire a decongestionare e liberare le vie respiratorie.
L’infuso di timo viene particolarmente indicato per risolvere problemi di gonfiori intestinali e di aerofagia dovuta a cattiva digestione. L’infuso di timo trova inoltre impiego nella preparazione di un collutorio naturale adatto all’esecuzione di risciacqui e gargarismi, da effettuare in caso di alito cattivo o di mal di gola. Il timo è un disinfettante ed antibatterico naturale che contribuisce a contrastare i germi che possono provocare tali disturbi. Altri utilizzi dell’infuso di timo ne prevedono l’impiego nei pediluvi, al fine di alleviare la sensazione di stanchezza e di affaticamento che potrebbe presentarsi a fine giornata a livello degli arti inferiori. L’infuso di timo freddo rappresenta inoltre un ottimo rimedio da utilizzare come ultimo risciacquo in caso di capelli deboli, per rinforzarli.
L’impiego del timo in cucina, come spezia da utilizzare per il condimento delle pietanze e per la preparazione di zuppe e di minestre, permette di proteggere il proprio organismo in maniera naturale dalle malattie da raffreddamento tipiche dell’inverno e può contribuire a stimolare il buon funzionamento del nostro sistema immunitario. Per la preparazione di infusi o di decotti a base di timo si impiegano solitamente 5 grammi dello stesso per ogni 100 ml d’acqua.
L’Olio essenziale di timo è molto utilizzato e apprezzato soprattutto grazie al suo potere antibatterico e antivirale. Ne esistono due varianti: quello rosso, più forte, e quello bianco, più delicato. Nel periodo più tipico per influenze e raffreddori basta diffondere in casa qualche goccia di timo (1a per ogni metro quadro di ambiente) per purificare l’aria evitando il contagio. Si può usare anche per fare fumenti in caso di raffreddore, sinusite, mal di gola, ecc. o per massaggi sul petto dal potere balsamico. In questo caso occorrono 2-3 gocce di olio essenziale di timo (ma si può usare anche l’eucalipto) diluite in un cucchiaio di olio di mandorle dolci o altro olio vegetale.